I Siciliani giovani La periferica I cordai Casablanca CTzen Il clandestino Cieli GenerazioneZero Telejato AdEst Mamma! Monitor daSud I Siciliani di G. Fava

Salsiccia geek per tutti


Mondi che si contaminano, goliardia e buona cucina: tutto dentro l’iniziativa di linuxisti, giornalisti, volontari e “gente comune” legati insieme dalla voglia di libertà


16 marzo 2011, di Redazione




Già dopo un paio d’ore dall’inizio dei lavori, il workshop era scappato di mano. Tutti i partecipanti erano stati invitati a portare una chiavetta usb vuo­ta per clonarci sopra Ubuntu/Linux. Alle riunioni dello staff preparatorie dell’evento si era detto: «non facciamo le istallazioni.Facciamo che tutti lan­ciano il sistema operativo dalla chiavet­ta, che sennò poi si crea confusione perché dovremo smazzarci i piccoli problemi con l’hardware». Ma quando Emanuele Cammarata sabato mattina ha fatto vedere sul pro­iettore l’istallazione, si sono buttati tutti a pesce e nessuno è stato ad ascoltare il con­siglio di farlo girare "live". A quel pun­to che si può fare? L’ultima cosa è tirar­si indietro e smorzare il ben riposto en­tusiasmo. Per fortuna problemi seri non ce ne sono stati e a ora di pranzo si era già formata una nuova ventina di utenti Gnu/Linux. A ripercorrere con la me­moria quello che succedeva qualche era geologica fa c’è da rimanere sbalorditi. Al primo "Installation day" a Catania nel 2000 si presentarono in trenta: due col computer e ventotto per guardare. Ai giorni nostri invece succede che a un workshop con un taglio molto parti­colare, quale quello dell’incrocio tra li­bertà del software e della stampa, conti­nuino ad arrivare accorate richieste ol­tre la data di chiusura delle iscrizioni. Forse è merito di Ubuntu col suo Gnu/Linux dal volto umano; forse di Riccardo Orioles e Luca Salici che han­no reso tutti potenziali giornalisti con le gabbie di impaginazione di Ucuntu scritte sotto OpenOfficeWriter; forse di Graziella Proto che ha demandato Linda Pettinato e lo scrivente nel 2005 a progettare la prima casa editrice equipaggiata solo di software libero, lanciando un sasso che ha messo in moto lo stagno; forse del GLug Catania che da anni insiste ad aprire l’informatica ai bambini di San Cristoforo con il sostegno del Gapa, alla faccia dei mafiosi che li vogliono ignoranti; forse di Freaknet (il MediaLab a Catania prima, il Poetry a Palazzolo Acreide oggi) che con la radicalità del suo impegno ha fatto comprendere a tanti che, come dice Richard Stallman, "free" è la radice della libertà di "freedom" e non il gratis di "free beer"; forse la gente è più attenta e sensibile di tempo fa o semplicemente è stufa dei soprusi dei padroni, Bill Gates o Silvio Berlusconi non fa differenza e prima o poi entrambi verranno accompagnati al capolinea a pedate dalla folla. Quale che sia la ragione o la miscela in percentuale diversa delle ipotesi fin qui elencate, ci sono venti persone in più a Catania che sanno che il binomio software-stampa è inscindibile dalla li­bertà. E per loro non è un principio astratto, ma l’embrione di una capacità operativa appresa in un fine settimana intenso ma anche divertente e allegro. Perché tra uno "speech" e un’esercita­zione i partecipanti hanno cucinato e pranzato insieme con i guru del compu­ter, i giornalisti, i volontari del Gapa e gli attori del "Teatro dell’oppresso" e hanno scoperto che anche i "geek" mangiano salsiccia.

Lucio Tomarchio


Digg Del.icio.us Facebook Google Technorati Live MySpace Wikio


Commenta l'articolo


Ci sono 0 contributi al forum.

La nostra rete/Lavori in corso



"Ringraziamenti" al Sindaco da Librino

Grazie , per il buio che ci regali da Viale Castagnola a Viale Bummacaro, da Viale Nitta a Viale Moncada e grazie soprattutto per l'asse attrezzato nato da appena da un anno e mai illuminato interamente Grazie per le aiuole curate a verde e grazie per la sistemazione del piazzale antistante (...)


Il nostro Scidà

Aiutò i ragazzi poveri. Difese la Città. Sembra che stia dormendo, e che sorrida. Ha un lieve sorriso ironico, da ragazzo intelligente. L'aria, dalla finestra, gli passa leggermente fra i capelli. Ne muove a volte alcuni, arruffati e bianchi. Ed egli dorme. Dorme, nel buio della notte, la sua (...)


Ciao, Giambattista Scidà!

Un uomo d'altri tempi. Giambattista Scidà lo è stato. Sicuramente per il suo rigore morale e per la sua intransigenza verso le ingiustizie e le acquiescenze. Ma allo stesso modo - in questo tempo - ha saputo lottare per la giustizia come pochi altri. L'ex presidente del Tribunale per i minorenni (...)


Incontro a Librino su tutela del territorio e inquinamento ambientale

L'importanza della tutela del nostro territorio, per lasciare ai nostri figli non devastazione ma un ambiente vivibile e sostenibile; la prevenzione delle malattie conseguenza dell'inquinamento, per la tutela del cittadino e come risparmio di una spesa sanitaia sempre più alta dovuta al sorgere (...)



Elezioni comunali, il Pd si spacca a Motta Festa: «Il simbolo possono tenerselo»

Due candidati molto diversi tra loro uniti da una bagarre che si sta consumando in questi giorni all'interno del Partito democratico. Il circolo mottese ha indicato come candidato sindaco da sostenere Danilo Festa (consigliere comunale uscente, ex segretario della sezione) e non Daniele Capuana (...)


Controlli alimentari, 50mila euro di multe Sanzioni per La Siciliana e i bar del centro

Nuovo blitz della task force voluta dal questore Salvatore Longo. Nell'ultima operazione sono stati controllati diversi ristoranti, bar, chioschi e paninari di Catania e provincia. Tra cui molti nomi noti, come Prestipino. Le sanzioni, a vario titolo, sono state erogate per motivi igienici, (...)


Bellini, la procura chiede il rinvio a giudizio Accusati di truffa 80 dipendenti assenteisti

Un'indagine che va indietro fino al 2007: quattro anni, fino al 2011, in cui diversi dipendenti e stagionali del teatro massimo cittadino avrebbero barato sugli straordinari e fatto un uso disinvolto dei badge che segnano l'ingresso e l'uscita dal lavoro. Adesso gli uffici giudiziari etnei (...)


S. Giovanni Galermo, tour tra le incompiute Catalano: «Qui due assi viari mai finiti»

Dovrebbero collegare Catania con San Pietro Clarenza, Camporotondo e Mascalucia, decongestionando il quartiere a nord della città. Ma dal 2010 i lavori per il completamento di via Orsa minore e dell'asse cosiddetto nord-ovest sono fermi. «Mancavano i fondi per gli ultimi espropri», spiega il (...)



Ciao Pippo, qui si continua

di Giovanni Caruso


Piano regolatore torna, ci manchi!

Aspettando di diventare come la Svizzera, ecco un esempio di area verde a Catania di Ivana Sciacca, foto Darkye


Procedure di affidamento dei beni confiscati alle mafie

Incontro presso il centro GAPA via Cordai, 47 (San Cristoforo, Catania) venerdì 29 novembre 2013 dalle ore16.30


Intervento del Gapa alla presenza della presidente Laura Boldrini

L'intervento che segue è quello che il Gapa ha esposto durante l'assemblea del 19 ottobre nella scuola "DUSMET DORIA", alla presenza della presidente Laura Boldrini.



I dragoni atomici di Fukushima. Storie di bombe e di energia nucleare.

Traduzione italiana del manga di Yuka Nishioka promossa dalle associazioni "Altrinformazione" e "Semi sotto la neve" come iniziativa di sensibilizzazione sui temi del rischio nucleare.


Il Papa, i Corvi e il giudizio universale


I giardinieri di Santa Rosalia

Tratto dal numero 9 della rivista Mamma! (Primavera Italiana)


Bianifesti: ai poster l'ardua sentenza

Tiratura limitata di 100 esemplari, ordinabili dal 6 al 15 dicembre. Poi basta.


Che smania di vivere ho